Orto del mese: Orto condiviso ed interculturale in Potsdam-Schlaatz

Nell’anno 2000, persone di diversi background e nazioni hanno cominciato a costruire una scuola e un orto dedicati all’integrazione.

Esso è situato in un’area residenziale, circondato da scuole, asili-nido, aree di gioco e campi sportivi. Quest’orto permette a tante persone di nazionalità diverse come l’Ucraina, la Moldova, il Kosovo, l’Ungheria, la Romania e vari paesi africani. Insieme hanno deciso di creare l’orto per mettere radici più forti nel contesto in cui vivono. Le motivazioni che hanno avuto per migrare sono diverse come le persone stesse. Ma hanno tutti una cosa in comune: il desiderio di lavorare con le mani, di essere in contatto con la terra e vedere qualcosa crescere.

Le diverse nazionalità degli attivisti sono riconoscibili nei lotti: alcuni coltivano cipolle, fagioli e verze, altri fragole, fiori e patate. Di solito l’orto è molto silenzioso la mattina, solo ogni tanto si vede qualche persona che ci lavora. Verso l’ora di pranzo, quando la scuola chiude, l’orto si anima: gli alunni non vedono l’ora di esplorare e scoprire l’orto e di piantare loro stessi qualcosa. Sopratutto durante il fine settimana l’orto è pieno, ancora di più quando viene usato il forno della piazza comune. Le preferite di tutti sono le feste, come per esempio il Newroz, la festività Kurda del solstizio d’estate o la giornata dell’Orto Aperto.

meeting placeQueste riunioni offrono la possibilità di fare una grigliata, cucinare, cuocere al forno o/e mangiare insieme. L’orto comunitario è uno spazio aperto dove le persone di origini, generazioni e nazioni diverse si riuniscono.

Tutto questo offre in questa area popolare una possibilità di sviluppo sociale.

oven placeA volte, purtroppo, ci sono anche brutte notizie: ci sono delle persone che si oppongono alla diversità sociale. Dalla sua fondazione, l’orto è stato distrutto 6 volte. Inoltre, la casa comune dell’orto è stata bruciata 3 volte. Questi attacchi devono essere denunciati come crimini a sfondo razzista. Per prevenirli, l’orto viene spesso presidiato anche dalla polizia locale.

Clicca qui per guardare il video: http://www.youtube.com/watch?v=40UUeuzR-jU